Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘scandali’ Category

Riprendo il testo dell’appello riportato da AndreaTj. Fatelo circolare, girate voce, credo sia una cosa importante. Collegatevi e lasciate un messaggio a www.pinomasciari.org.

L’IMPRENDITORE CALABRESE GIUSEPPE (PINO) MASCIARI TESTIMONE DI GIUSTIZIA LASCIA LA LOCALITA’ PROTETTA SENZA SCORTA PER RECARSI IN CALABRIA COME FORMA ESTREMA DI PROTESTA IN ATTESA DELLA RISPOSTA DELLE ISTITUZIONI E CONTEMPORANEAMENTE CHIEDE PER LA FAMIGLIA ASILO POLITICO O ADOZIONE AD ALTRO STATO:

Sono un imprenditore calabrese che non si è piegato al racket, che ha denunciato, fatto arrestare e condannare decine di appartenenti al sistema `ndranghetista con le sue collusione all’interno delle Istituzioni. Inserito nel Programma Speciale di Protezione a partire dal 17 Ottobre 1997, portato via dalla Calabria e da allora sprofondato in un tunnel senza via d’uscita: in questi 11 anni non si contano i comportamenti omissivi tenuti dalle Istituzioni preposte alla mia protezione, contrari alla legge e prima ancora alla dignità della persona. Abbandonato al mio destino insieme con la mia famiglia, isolati, esiliati dalla propria terra, privati delle imprese edili e del proprio lavoro (mia moglie è un medico-odontoiatra).

Prima mi hanno tolto il pane, poi mi hanno tolto la libertà, infine la speranza. Dopo 11 lunghi anni di attesa e di fiducia nelle Istituzioni oggi devo ammettere che non ci sono le condizioni perché la mia famiglia continui a restare ancora in Italia considerando la situazione di abbandono e l’assenza dei settori preposti alla protezione, che sarebbe dovuta avvenire in modo vigile e costante nella località (per così dire) protetta.

La conclusione è che mi ritrovo facile bersaglio insieme alla mia famiglia della vendetta mafiosa, nell’allarmante contesto di ‘ndrangheta, acceso e dilagante.

(altro…)

Read Full Post »

Dopo Marcello Dell’Utri, già noto per i suoi legami con Vittorio Mangano, eroico stalliere di villa Berlusconi ad Arcore, lo scandalo che coinvolgerebbe le cosche della ‘ndrangheta calabrese in un traffico di voti dal Venezuela all’Italia si è arricchito di un nuovo nome, quello di Aldo Micciché.

L’ex democristiano, ritenuto vicino agli ambienti dei Piromalli, eroici esponenti della cosca di Gioia Tauro, si è difeso dicendo che dietro il presunto legame con la malavita organizzata si cela uno spiacevole equivoco, per giunta dettato da alti scopi umanitari.

“Volevo solo aiutare un ragazzo malato” – ha singhiozzato il povero Micciché al cronista del Corriere che ne ha raccolto lo sfogo.

Pochi minuti dopo, l’emittente Telepadania ha interrotto la messa in onda del fortunato reality show dialettale riservato all’etnìa orobica “La Faturia”, per diffondere l’audio di poche laconiche parole di Umberto Bossi: “Io sto benissimo”.

Read Full Post »

Il Corriere.it riporta la notizia diffusa dall’emittente bresciana Teletutto secondo la quale il tribunale dei minori di Bologna ha emesso una “dichiarazione giudiziale di paternità” nei confronti di Arrigo Sacchi. Tra il 2002 e il 2003 l’ex tecnico del Milan e della nazionale,  – che all’epoca ricopriva l’incarico di responsabile dell’area tecnica del Parma calcio – avrebbe avuto una figlia dalla relazione con una giovane donna conosciuta allo stadio. Sacchi, sposato e padre di due figlie, si è sempre rifiutato di riconoscere la bambina ed è stato sollecitato dai legali della donna almeno ad incontrare il frutto di quella relazione.

Dai legali del tecnico di Fusignano non sono giunte né conferme né smentite. Della piccola, che ha compiuto cinque anni e vive nel Bresciano, si conosce tuttavia il nome di battesimo. Un nome originale, scelto in onore dei dettami tattici del padre naturale: Intensitée.

Read Full Post »

acidello.jpg

Read Full Post »

dick.jpgSulla scia della straordinaria performance oratoria del top manager Telecom Luca Luciani, che ha arringato i suoi fedelissimi esaltando le doti di stratega di Napoleone a Waterloo, forniamo alcuni ulteriori esempi di grandi trionfi militari ad usum (1) di altri maghi del “fare impresa” che tengono alto il nome del nostro paese, oltre che la sua economia, con le loro doti e la loro preparazione personale.

Un primo esempio è certamente quello che, il 10 agosto dell’anno 490 avanti Cristo, nell’assolata piana di Maratona, simile per certi versi a quella di Waterloo dove Napoleone celebrò il suo trionfo su Wellington (poi esiliato a Sant’Elena), vide consumarsi la famosa vittoria del brillante Artaferne contro l’esercito degli Elleni guidato dall’inetto Milziade.

Com’è noto, dopo lo scontro un valoroso soldato persiano percorse prima a nuoto e poi a corsa le migliaia di chilometri che separavano la piana di Maratona (in Grecia) da Persepoli capitale dell’Impero di re Dario I il Grande (nell’attuale Iran). Il prode (nel senso di persiano, non di Romano) ebbe appena il tempo di annunciare la buona notizia prima di cadere a terra fulminato da un infarto. E’ infatti in onore di quell’oscuro membro delle falangi persiane – vittoriose contro i greci – che nelle olimpiadi moderne si corre la celebre Maratona, un misto di nuoto e corsa per uomini temprati a sforzi sovraumani.

(altro…)

Read Full Post »

rinvio.jpgPoco dopo mezzogiorno di oggi, in un’area di servizio di Asti, in circostanze ancora da chiarire, l’ennesimo “contatto” tra tifoserie (in questo caso sostenitori del Parma e della Juventus diretti a Torino per la sfida delle rispetive squadre) si è risolto con la morte di un giovane tifoso del Parma, Matteo Bagnaresi, schiacciato dal pullman che trasportava i supporter bianconeri. L’episodio segue di pochi mesi quello, altrettanto tragico, che costato la vita a Gabriele Sandri, tifoso laziale colpito a morte da un colpo di pistola sparato da un agente in un altro autogrill, nei pressi di Arezzo.

La risposta dai vertici della Federcalcio, del Coni, del ministero dell’Interno e del ministero dello Sport non si è fatta attendere ed è stata comprensibilmente improntata alla massima severità. Con tempestività e fermezza, è stato infatti varato un provvedimento che, con decorrenza immediata, risolverà una volta per tutte il problema degli incidenti legati alle trasferte dei tifosi di calcio.

Da domenica prossima, tornelli anche nelle aree di servizio.

Vivalitalia.

Read Full Post »

gisele01.jpg
gisele02.jpg

Read Full Post »

Older Posts »